Fernando Molina-Campuzano, psicologo clinico, Spagna.

Quando un paziente decide di ottenere informazioni sull’estensore del pene, devono essere presi in considerazione molti aspetti psicologici: le ragioni della sua richiesta, i fattori motivanti e le aspettative sono di estrema importanza per la gestione di ogni caso.

Classificazione del paziente sulla base di uno studio psicologico
1. Aspetti psicologici:
In ogni trattamento, i fattori psicologici giocano un ruolo importante durante la consultazione, lo sviluppo e la valutazione del trattamento e la valutazione post-trattamento.

2. Il psichiatra:
Occorre determinare le aspettative del paziente che cerca informazioni sull’allargamento del pene. Il paziente si aspetta di trovare un medico in grado di spiegare il processo in modo professionale e riservato.

3. Il paziente:
Ascoltando attentamente il paziente, il medico può apprezzare i suoi obiettivi e le sue aspettative. Non si dovrebbe generalizzare con pazienti diversi, poiché ci sono diverse ragioni e caratteristiche di personalità coinvolte negli obiettivi del paziente per l’utilizzo di Andropenis®. Si vorrebbe valutare attentamente quei tratti della personalità che implicano insicurezza, miglioramento dei ruoli e miglioramento delle relazioni. Finché identifichiamo gli obiettivi del paziente e gli ricordiamo i suoi obiettivi, il medico aiuterà a mantenere l’interesse del paziente, ottenendo una compliance più efficace durante il periodo di trattamento.

4. Classificazione dei pazienti in base a fattori motivanti:
Tipo I:

Obiettivi primari: Dimensione. Obiettivi secondari: Rafforzare la fiducia in se stessi nei rapporti sessuali, raggiungere una maggiore desiderabilità, evitare il rifiuto e la solitudine, far parte del circolo dei vincitori e migliorare il piacere dato al proprio partner sessuale. Un paziente prototipo è un individuo di 40 anni che, per la prima volta nella sua vita, si confronta con la disfunzione erettile. Percepisce una riduzione della lunghezza del pene o una diminuzione della virilità. In questo caso, spiegando che la crescita dei tessuti e la neo vascolarizzazione causata dal trattamento migliora non solo la qualità delle erezioni, ma anche la lunghezza del pene e il senso di virilità, l’obiettivo del paziente sarà raggiunto.

Importanti cambiamenti emotivi, che interessano il paziente, sono facilmente osservabili. A volte, tuttavia, ci può essere un cambiamento nell’atteggiamento del partner, che può presentare una serie di questioni completamente nuove per il paziente. I tentativi di aiutare il paziente a identificarli possono essere utili, soprattutto se il rifiuto è un problema. Questo paziente rischia di evitare l’intimità, e ha un’assenza di relazioni emotive o sessuali. Possono cercare costantemente interazioni superficiali, in qualche misura, per compensare le frustrazioni personali, che possono aver avuto origine nella loro giovinezza (L. Festiger 1975). Dobbiamo trasmettere fiducia al paziente, rassicurandoci che il suo pene crescerà e che anche la qualità della sua erezione migliorerà. Quando percepiscono un pene di dimensioni maggiori, anche l’autostima del paziente dovrebbe migliorare. Il paziente si considererà un amante migliore e si sentirà più orgoglioso dei suoi attributi sessuali. Come risposta al mito fallico, probabilmente vedrà un aumento del desiderio sessuale nel suo partner, che può migliorare i preliminari e migliorare le aspettative positive dei rapporti sessuali. Il paziente riceverà tutte queste informazioni come feedback. L’aumento della fiducia e dell’autostima renderà il suo approccio sessuale calmo e rilassato, aiutando così automaticamente ad attivare il sistema nervoso parasimpatico, un fattore chiave nell’erezione.

Tipo II:

Obiettivo primario: Ottenere un pene di dimensioni normali o medie. Obiettivo secondario: Eliminare l’insicurezza, i complessi, la solitudine e il rifiuto.

Stiamo parlando di un paziente con un pene più piccolo della media, o di un pene piccolo che crea un complesso di inferiorità nel paziente. Alcuni di questi individui evitano situazioni in cui la loro nudità sarà esposta (spogliatoi, spiagge, incontri sessuali, ecc.). Presentano pensieri ossessivi sulla loro nudità, che si concentrano sulle dimensioni del loro pene. Tali individui, durante la loro consultazione, esprimono la sensazione di essere osservati e forse di essere presi in giro a causa delle piccole dimensioni del loro pene. Questo individuo vuole assicurarsi che la crescita sia in erezione (per soddisfare i propri bisogni così come quelli dei propri partner) e in flaccidità (poiché si sentono osservati e criticati da altri).

All’inizio, questi pazienti possono sembrare non aspettarsi risultati dal trattamento, ma a causa della loro alta motivazione personale, e dopo aver ricevuto le informazioni scientifiche adeguate, di solito decidono di iniziare il trattamento. Hanno il più alto indice di conformità al trattamento e tendono ad utilizzare il dispositivo per più di 10 ore al giorno. Anche se sono molto entusiasti del trattamento, se non vedono i risultati a breve termine (1-2 mesi), mettono in dubbio l’efficacia del trattamento. In tali casi, si raccomanda di informare il paziente che il primo mese è un periodo di adattamento, e di continuare il trattamento 11 ore al giorno per il primo mese e mezzo per accelerare la crescita. Importanti cambiamenti emotivi, che interessano il paziente, sono facilmente osservabili. A volte, tuttavia, ci può essere un cambiamento nell’atteggiamento del partner, che può presentare una serie di questioni completamente nuove per il paziente. I tentativi di aiutare il paziente a identificarli possono essere utili, soprattutto se il rifiuto è un problema.

Durante il trattamento, queste persone necessitano di una guida di tipo parentale e di un supporto continuo da parte del medico.

Tipo III:

Obiettivo primario: Ottenere un pene di grandi dimensioni.

Obiettivo secondario: Di solito possiedono tratti narcisistici con l’obiettivo di suscitare il desiderio sessuale dei loro partner e l’ammirazione degli altri. Credono che con un pene più grande, appartengono al gruppo dei vincitori. Alcuni pazienti incontrano difficoltà nell’instaurare relazioni personali significative e basano la loro comunicazione sui beni sessuali, che li fanno sentire a loro agio e più sicuri. Parliamo di 4 categorie:

R – Maschi in una relazione stabile: coloro che vogliono ottenere un pene più grande per migliorare la loro relazione e introdurre nuove forme di gioco che gratificheranno entrambi gli individui. Vogliono cambiare la loro routine. Essi tendono ad avere mezzi finanziari per cercare cure.
B – Maschi senza una relazione stabile: quelli che hanno più partner sessuali. Trovano gratificazione in queste relazioni. Sono molto orgogliosi del loro fisico, del loro aspetto e del loro grande pene (“Teoría Psicoanalítica de las neurosis”, Fenichel, 0-1987).
C – Sportivo: coloro che investono molto tempo e denaro nel proprio fisico e nelle proprie caratteristiche e che sono narcisistici. Frequentano luoghi dove potersi esibire (spiagge per nudisti, piscine, spogliatoi, ecc….) perché si sentono molto a loro agio e sanno suscitare l’ammirazione degli altri.
D – Omosessuali: questi uomini spesso danno molta importanza alla dimensione del loro pene. In genere non è necessario convincersi dell’efficacia del trattamento, ma quando questi pazienti ottengono 1 o 2 cm di crescita, spesso abbandonano prematuramente il programma. La conformità è incoraggiata.

Tags: pene, ingrandimento del pene, estensore del pene, ingranditore del pene, ingrandire il pene, aumentare la dimensione del pene, allungamento del pene, andropenis, salute del pene, salute degli uomini, salute sessuale degli uomini, salute sessuale degli uomini, salute sessuale, vita sessuale, uomini